Fili di bioristrutturazione in acido polilattico

I fili sono di struttura totalmente biocompatibile e riassorbibile costituita da acido Polilattico che, essendo una sostanza in grado di stimolare la collagenogenesi, crea una naturale accelerazione verso l’incremento della produzione di collagene endogeno.

Trovano quindi la loro indicazione quando si desideri dare più tono alla pelle del viso, ottenere un risollevamento di guance, zigomi,  rassodare la pelle del collo o ridefinire il profilo mandibolare.

CARATTERISTICHE

•    Ogni filo di sutura ha una struttura bidirezionale dotata di 4/6 coni contrapposti ( quattro per il ramo di trazione e quattro per quello di ancoraggio )
•    Si fissano nel tessuto adiposo sottocutaneo ( e non nell’osso come per i fili non riassorbibili chirurgici )
•    Sono totalmente riassorbibili nello spazio di circa 18/24 mesi 
•    Non sono un trattamento invasivo
•    Non sono un trattamento doloroso necessitano unicamente di anestetico locale

Come avviene la seduta:

Si esegue sempre una prima visita in posizione eretta per valutare la condizione di ptosi ( scivolamento ) delle strutture del grasso delle guance e della lassità dei tessuti, si procede quindi al disegno dei punti di entrata e di uscita dei fili ed alla determinazione della loro quantità per parte ( uno, due o tre ).

La procedura è mini invasiva, veloce, si svolge in anestesia locale e non necessita di esami preliminari. L'unico dato da tenere presente è l'eventuale presenza di allergia all'acido polilattico stesso.

Dopo aver praticato un'anestesia locale nei punti di ingresso e uscita dei fili, la dottoressa procederà al loro inserimento. Ogni filo è munito di quattro "coni", costituiti da acido glicolico, che, scorrendo sottopelle, raccolgono e riposizionano la cute, ottenendo come risultato la tonificazione della guancia, del bordo mandibolare, del collo, o, in alcuni casi, il risollevamento del sopracciglio.

La procedura è assolutamente personalizzata, e viene stabilita preventivamente dal medico sulla base delle specifiche esigenze e aspettative del paziente; a seconda dei casi, in una sola seduta si possono inserire più coppie di fili, o scegliere di aggiungerli in sedute successive.

Cosa fare nei giorni successivi:

Il giorno successivo al trattamento è possibile riprendere le normali attività, in quanto, solitamente, non sono presenti segni visibili né dolore. In alcuni casi può comparire un leggero gonfiore ed arrossamento, che regredisce spontaneamente.
Secondo i consigli del medico, si dovrà evitare l'uso del trucco per uno/due giorni dall'intervento, non svolgere attività fisica impegnativa e applicare una crema antibiotica nei punti di ingresso e di uscita dell'ago.

E' possibile abbinare l'inserimento dei fili ad altri trattamenti estetici?

L'applicazione di fili in polilatico non pregiudica la possibilità di impiegare filler e tossina botulinica, per contrastare la presenza delle rughe dinamiche.

A quale età è consigliato questo trattamento?

Normalmente l'inserimento dei fili in acido polilattico è consigliato a pazienti, sia donne che uomini, dai 40 ai 60 anni con un grado di lassità medio che desiderino un risultato assolutamente naturale, senza cicatrici visibile.

Che durata ha il risultato ottenuto?

I fili sono composti da acido polilattico, una sostanza biocompatibile completamente riassorbibile. Inizialmente si nota l'effetto tensore dovuto alla presenza dei fili successivamente l'acido polilattico stimola la formazione di nuovo collagene, e il processo di fibrosi contribuisce a ricompattare e tonificare la pelle, con l'effetto di un miglioramento generale dell'aspetto del viso. Generalmente il risultato è apprezzabile per circa 2 anni.