Estetica maschile

Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Dalle più recenti indagine effettuate risulta che le donne sono più consapevoli dei rischi a cui va incontro il viso del proprio uomo con il passare del tempo. Le intervistate hanno rivelato di essere preoccupate soprattutto dalla comparsa delle rughe maschili seguite a breve distanza dall'invecchiamento generale e dalla perdita di tonicità, mentre più della metà degli uomini ritiene che la sua pelle non corra alcun pericolo. Gli esperti avvertono però che, pur invecchiando più lentamente la pelle dell'uomo, degenera decisamente peggio, è più grassa e più incline all'acne ed è sottoposta a stress maggiori a causa della rasatura.

Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Prima

Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Dopo

Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Prima

Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Dopo

Vediamo in breve le differenze tra la pelle femminile quella maschile

  • La pelle dell'uomo, rispetto a quella della donna:
    • ha un ritmo metabolico e un consumo di ossigeno più elevato;
    • è più spessa (circa il 16% in più in media rispetto alladonna);
    • ha un pH più acido;
    • le ghiandole sebacee sono più numerose e voluminose e laproduzione di sebo è più abbondante
    • è complessivamente più resistente e protetta, tranne che nelle zone del volto in cui è presente la barba (probabilmente a causa della rasatura: risulta quindi più sensibile, spesso disidratata e facilmente irritabile);
    • è geneticamente dotata di un maggior patrimonio di collagene e tessuto elastico e minor tendenza al rilassamento, mentre le donne possono contare, almeno sino a prima della menopausa, su un maggior contenuto diacido ialuronico, la cui sintesi è stimolata dagli estrogeni;
    • il derma è più vascolarizzato, e per questo il rischio diematomi nell'uomo può essere maggiore.
  • La pelle dell'uomo tende ad invecchiare in modo diverso rispetto a quella della donna:
    • la pelle maschile tende ad invecchiare più lentamente e più tardivamente rispetto a quella della donna. Ciò anche a causa alle differenze dell'assetto ormonale e alla diversa età in cui nei due sessi si assiste al declino degli ormoni implicati nel mantenimento della giovinezza cutanea, gli estrogeni e il progesterone nella donna e gli androgeni, il DHEA e il GH nell'uomo.
    • la rugosità fine e sottile e il rilassamento cutaneo siinstaurano più lentamente nell'uomo che nella donna
    • le rughe di espressione legate all'attività dei muscoli mimici del volto (fronte, contorno occhi, guance) nell'uomo si formano piùprecocemente e risultano più marcate.
    • nell'uomo le zone palpebrali e mentoniera presentano frequentemente lassità e accumuli adiposi, influenzando negativamente l'armonia estetica dello sguardo e del profilo mandibolo-mentoniero, sezioni del volto cui i canoni di bellezza maschile impongono particolare attenzione.

Negli ultimi anni si assiste alla crescente presa di coscienza da parte dell'uomo dell'importanza di prendersi cura della propria immagine.

Le richieste maschili in ambito estetico:

  • rispetto delle caratteristiche del proprio viso con correzioni specifiche
  • basso rischio di effetti collaterali
  • trattamento breve e veloce, senza 'downtime'
  • sicurezza

Estetica del Volto

Già tra i 20 e i 30 anni rallenta il processo di sostituzione delle cellule cutanee, il collagene e l’elastina che fanno da supporto alla cute cominciano a degradarsi.

A questa età è possibile riscontrare ancora lesioni acneiche in fase attiva o trovarsi di fronte a esiti di pregressa acne è quindi necessario instaurare una corretta terapia per risolvere la fase infiammatoia e/o attenuare i segni presenti.
Nelle pelli giovani trovano maggiore indicazione i trattamenti di superficie.
Le cellule morte si accumulano in superficie rendendo opaca la cute e occludendo i pori. Rimuovendo dalla superficie queste cellule la cute apparirà più uniforme e sana.

Estetica del volto Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia Per ottenere questo è possibile sottoporsi ad un ciclo di trattamenti peeling. Il medico ha oggi a disposizione differenti tipi di agenti chimici poco aggressivi e molto efficaci.
Inoltre è possibile effettuare dei soft peel chirurgici che in modo “dolce” permettono di effettuare nella stessa seduta l’ablazione di piccole microcisti e di iperplasie sebacee.

Se la cute presenta lesioni acneiche è possibile effettuare un trattamento di terapia fotodinamica che potrà essere effettuato con o senza applicazione di agente fotosensibilizzante e eventualmente associato a trattamento peeling.

Quando la pelle appare disidratata o nel caso si desideri instaurare un programma di prevenzione dell’invecchiamento cutaneo risultano utili i trattamenti rivitalizzanti che consistono di apportare alla cute acido ialuronico, vitamine e aminoacidi, in diverse concentrazioni a seconda delle singole esigenze. Il trattamento può essere effettuato con ago o se si desidera un trattamento assolutamente indolore tramite elettroporazione transdermica.

Estetica del volto Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia Tra i 35 e i 55 anni la pelle comincia a manifestare i segni legati al passare del tempo e alle errate abitudini di vita.

La pelle comincia a mostrare segni di ispessimento e perdita di luminosità possono comparire le prime macchie cutanee (soprattutto nelle pelli che amano l’esposizione solare o a raggi UVA e nelle pelli dei fumatori).
Nelle pelli seborroiche possono comparire o rendersi più evidenti iperplasie sebacee (ingrossamenti delle ghiandole sebacee che rendono la pelle irregolare).

La cute delicata del contorno degli occhi si assottiglia e possono formarsi delle borse. Nelle pelli predisposte si accentuano le taleangectasie del volto. Le rughe statiche, cioè quelle rughe legate alla iniziale perdita di volume e di elasticità, cominciano a rendersi più evidenti e alcune rughe dinamiche (cioè legate ai movimenti del volto) cominciano a divenire statiche (sono cioè presenti anche a riposo). Il parziale cedimento cutaneo iniziale si fa più marcato e si rende evidente la perdita di volume della parte media e inferiore del viso.

In questa fase trovano indicazione:

  • Trattamenti leviganti e stimolanti di superficie come il trattamento mediante peeling chimici singoli o con fotobiomodulazione o associati a trattamenti soft chirurgici e trattamenti con laser frazionato non ablativo. Lo scopo di questi trattamenti è di rendere la pelle globalmente più luminosa, eliminare microrugosità di superficie, togliere iperplasie sebacee e nevi dermici del volto.
  • Trattamenti laser per eliminare teleangectasie del volto Estetica del volto Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia Trattamenti laser per eliminare teleangectasie del volto (capillari del naso e delle guance) che spesso conferiscono un aspetto trascurato, eliminare cheratosi seborroiche e macchie cutanee del volto e del corpo.
  • Trattamenti per il ripristino dell’idratazione cutanea e trattamenti rivitalizzanti superficiali: Quando la pelle appare disidratata e per effettuare un’efficace prevenzione dell’invecchiamento cutaneo risultano utili i trattamenti rivitalizzanti che consistono di apportare alla cute acido ialuronico, vitamine e aminoacidi, in diverse concentrazioni a seconda delle singole esigenze. Il trattamento può essere effettuato con ago o se si desidera un trattamento assolutamente indolore tramite elettroporazione transdermica.
  • Trattamenti di rilassamento dei muscoli del volto responsabili delle rughe dinamiche che tendono a diventare statiche con il passare del tempo: le iniezioni ad azione rilassante con tossina botulinica di tipo A permettono di agire direttamente sui muscoli che causano le rughe in modo da ottenere un aspetto della cute più rilassato e quindi più levigato mantenendo un aspetto naturale.

Nei casi di invecchiamento più marcato o quando il calo volumetrico e le lineee statiche si fanno più evidenti e possibile associare trattamenti di bioristrutturazione con ripristino dei volumi quali il trattamento con acido ialuronico associato a fosfato tricalcico nei casi più lievi o con acido polilattico nei casi di cedimento associato a calo volumetrico evidente. Questi trattamenti richiedono costanza e pazienza danno infatti un risultato duraturo che si insatura lentamente nel tempo. Possono essere associati a trattamenti riempitivi con filler dermici di buona qualità contenenti acido ialuronico crosslincato che permettono di ottenere un immediato effetto estetico. E’ infatti possibile correggere solchi profondi e attenuare rughe di superficie o ridare volume alle labbra che hanno perso definizione o presentano linee sottili sui contorni.

Estetica del volto Estetica maschile Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia In questo caso il risultato è immediato e permette una miglioria subito visibile in attesa di un rimodellamento più profondo e duraturo che si presenta nel tempo.

Trattamenti laser per eliminare teleangectasie del volto Con l’avanzare dell’età (over 60) la pelle continua a perdere vigore ed elasticità. Le rughe statiche e dinamiche aumentano di profondità e si sovrappongono. Oltre il 90% dei soggetti di pelle chiara presenta macchie cutanee.
Il cedimento e la perdita di volume si fanno generalizzati a tutto il viso. Anche in questo caso è possibile ottenere delle migliorie con trattamenti medici soprattutto per quanto riguarda l’aspetto generale della cute. Con il medico si analizzerà il viso nel suo complesso tenendo conto di tutte le varie esigenze riscontrate e manifestate dal paziente In questo modo sarà possibile identificare i trattamenti più adatti per ottenere il risultato desiderato.

Per ulteriori approfondimenti visualizzare le pagine relative all'invecchiamento cutaneo.