Peeling in soft surgery: chirurgia dolce

Peeling in Soft surgery Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Oggi è possibile ricorrere a trattamenti peeling in chirurgia dolce utilizzando tecnologie avanzate iperpulsate e timed.

Se effettuati da mani esperte e in modo competente questi trattamenti rendono la pelle fin da subito più recettiva, compatta, luminosa.
Inoltre è possibile stimolare la riparazione del collagene, contribuendo ad attenuare rughe sottili e macchie cutanee, facilitare la penetrazione di numerosi principi attivi rendendo così più efficace la terapia domiciliare e gli eventuali trattamenti rivitalizzanti o schiarenti eseguiti con elettroveicolazione transdermica.

Questi trattamenti, effettuati a cicli, trovano la loro migliore indicazione nelle pelli spesse e/o poco luminose, invecchiate da sole, dal fumo, macchiate in superficie e irregolari. Non limitano la vita sociale, sono poco infiammatori (non arrossano), danno una desquamazione minima, permettono di ottenere risultati visibili e duraturi in poche sedute.

Paziente di 35 anni con cute spessa, lievemente seborroica con alcune lesioni comedoniche e papula fibrosa del naso

Peeling in Soft surgery Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia
Peeling in Soft surgery Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Durante il trattamento: il paziente non avverte dolore

Peeling in Soft surgery Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

Appena dopo il trattamento: la cute non è eritematosa.
Dopo l'asportazione della papula fibrosa del naso è stato applicato un piccolo cerotto che il paziente dovrà tenere per 24 ore.

Cos'è il Peeling in soft surgery?

Si tratta di una tecnica innovativa che utilizzando una corrente pulsata della Timedchirurgia e un particolare elettrodo d'oro o d'argento genera microlesioni invisibili nella cute che stimolano la produzione di correnti endogene. Tali correnti stimolano la produzione di fattori epidermici, vascolari e connettivali che contribuiscono a innescare un processo di ringiovanimento della cute. Questo trattamento, completamente indolore, permette:

  • di effettuare peeling di superficie con riduzione dello strato corneo e "pulizia" degli sbocchi ghiandolari,
  • di stimolare gli strati superficiali del derma con attivazione dei fattori di crescita,
  • di aumentare l'assorbimento di sostanze topiche applicate,
  • la distribuzione sulla cute di ioni oro stimolanti il collagene e di ioni argento ad azione antibatterica.

Come avviene la seduta:

Dopo accurata detersione e disinfezione la dottoressa applica l'elettrodo che "galleggia" in rapido movimento sulla superficie cutanea generando microlesioni, si assiste quindi ad un aumento della vascolarizzazione e del metabolismo. Il trattamento può essere effettuato anche in modo più profondo (ma sempre nel rispetto del tipo di pelle in modo indolore e senza post operatorio che limiti la vita sociale) asportando lo strato corneo questo rende la pelle subito più liscia e più permeabile ai prodotti applicati su di essa. Il trattamento crea una perturbazione transitoria della membrana lipidica che diviene permeabile a sostanze che in condizioni normali non sono in grado di attraversare la barriera epidermica.
Numerose sono le sostanze che è possibile applicare dopo il trattamento fra le più utilizzate ricordiamo:

  • acido ascorbico (vit C),
  • acido boswelico (potente elasticizzate)
  • retinolo ( cheratolitico e stimolante del collagene)
  • resveratiolo (agente antiossidante)
  • acido ialuronico
  • vitamine
  • aminoacidi
  • acido glicolico
  • agenti schiarenti

Per togliere le macchie del volto e del corpo è possibile applicare dopo il trattamento delle soluzioni sature di agenti schiarenti sciolti in acidi a bassa concentrazione. Con l'uso della luce di Wood è possibile trattare anche quelle macchie non ancora visibili a occhio nudo. Le macchie si attenuano progressivamente fino a scomparire dopo il numero necessario di applicazioni e il paziente può continuare la sua vita di relazione senza lesioni visibili.
Nelle cuti senili con elastosi solare è possibile ottenere una maggior penetrazione di sostanze idratanti e nutrienti.
La nuova metodica sfrutta anche l'effetto degli ioni metallici nei tessuti.
Utilizzando l'elettrodo oro, particelle ioniche di questo metallo sono spinte nella cute per svolgere un'azione di stimolo del collagene cutaneo, simile ma meno traumatico e più uniforme, di quello generato dai chirurghi francesi tramite l'inserimento di fili d'oro sotto la cute per stimolare la produzione di collagene.
Con l'elettrodo d'argento si distribuiscono nella cute con lesioni infiammatorie (brufoli) ioni argento ad potente azione antibatterica anche a piccolissime concentrazioni.
Il trattamento può essere seguito e/o intervallato da un trattamento con elettroveicolazione transdermica per veicolare sostanze ad azione cosmetica e farmaci.

Trattamento peeling in soft-surgery per pelle con comedoni
I nuovi peeling Acne Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

microcisti comedoniche

I nuovi peeling Acne Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

peeling soft-surgery

I nuovi peeling Acne Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

peeling chimico

I nuovi peeling Acne Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

svuotamento comedoni aperti

I nuovi peeling Acne Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

apertura e svuotamento comedoni

I nuovi peeling Acne Viso Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

post operatorio

Cosa fare dopo il peeling?

Nelle settimane successive al peeling il dermatologo prescriverà di volta in volta il trattamento più appropriato che generalmente consiste nell'applicazione di topici idratanti e lenitivi e di schermi solari. Le sedute di peeling vanno ripetute a seconda dell'agente utilizzato, per peeling soft la seduta può essere ripetuta ogni 15-20 giorni, per un periodo variabile a seconda dei casi e delle indicazioni, fino al raggiungimento del risultato desiderato. Il paziente potrà successivamente utilizzare a casa gli usuali trattamenti di mantenimento.

Quando il peeling non può essere effettuato?

Le controindicazioni più importanti generali al peeling sono rappresentate da infezioni cutanee in atto (es. herpes recidivanti) e da malattie del connettivo.

Con questo trattamento e quindi possibile migliorare in modo sicuro e poco invasivo l'aspetto della cute con migliorie già evidenti dopo la prima seduta, è inoltre un ottimo complemento nel caso di rendano necessarie manovre di ristrutturazione più profonda.

Bibliografia: 1) Gríffin TD, Van Scott Ej, Maddìn S. - The use of Pyruvie acíd as a chernìcal peeling agent. J Dermatol Surg Oncol 15:1316,1989 2) Brody M. Chemical peeling St- Louís: Mosby - Vear Book 1992 3) Dítre CM, Griffin TD, Murphy GF, et al - Ilhe ~ of alpha hydroxy acids on phot~ Ain: a pilot chrdcal, hìstologìcal and ultrastru~al study. J Am Acad Dennatol 34:187-195,1996 4) Griffin TD, Van Scott Ej. - Use of pyruvie acid in the tratment of actí-níc Keratoses: a clinical and hìstopathoIogic study. Cutís 47:325-329, 1991 5) Moy LS, Peace 5, Moy RL Comparison ckf the effect of varìous chemical peelíng agents in a n-tíní-píg model. Dermatol Surg 22.429-432 1996