Laser Co2

l laser CO2 pulsato consiste in un raggio ad anidride carbonica che agisce sul contenuto d’acqua delle cellule, vaporizzandole. Il bersaglio del laser CO2 è quindi l’acqua contenuta all’interno delle cellule, senza danneggiare o ustionare i tessuti circostanti. Il laser co2 elimina per vaporizzazione gli strati superficiali della pelle.   I vantaggi del laser CO2 sono rappresentati da un ridotto danno termico, minor sanguinamento, minore infiammazione e miglior cicatrizzazione.  Il trattamento è poco doloroso ma nel caso di lesioni multiple o in sedi delicate può essere necessario effettuare anestesia locale,  solitamente viene utilizzata Xilocaina topica o per via iniettiva locale.

I vantaggi rispetto al bisturi tradizionale sono: una maggior precisione, un ridotto sanguinamento che permette tempi di guarigione ridotti con cicatrici poco visibili. E' un trattamento poco doloroso.

Indicazioni terapeutiche per il laser CO2:

Il laser CO2 è spesso utilizzato al posto del bisturi e permette di effettuare trattamenti per vari inestetismi del volto e de corpo. É poco doloroso solo nel caso di pazienti molto sensibili è necessaria l'applicazione di una crema anestetica prima del trattamento.

É possibile eliminare:
Verruche
Fibromi
Condilomi
Cheratosi seborroiche
Cicatrici da acne
Rimuovere piccole neoformazioni benigne

PRIMA

DOPO

Quali accorgimenti seguire prima del trattamento:

Evitare assolutamente l'esposizione ai raggi solari e/o a lampade UVA nelle settimane precedenti al trattamento.

Cosa fare dopo il trattamento:

Dopo il trattamento è necessario applicare una crema antibiotica e/o anti-infiammatoria prescritta dal medico per alcuni giorni fino alla guarigione.  Le zone trattate devono essere protette con filtri solari ad alta protezione, l’arrossamento scompare nel giro di alcune settimane.

Quando non è possibile eseguire il trattamento:

esposizione solare nei 30 giorni antecedenti al trattamento ( cute abbronzata)
il laser non può essere applicato in presenza di processi infiammatori in atto che coinvolgano la cute o di malattie sistemiche con manifestazioni cutanee (ad eccezione dell’acne) in atto.
se è stata riscontrata la tendenza a sviluppare cicatrici ipertrofiche o cheloidee
In presenza di tatuaggi nelle aree da trattare