Alopecia areata

Alopecia areata Capelli Dermatologia estetica Dott.sa Antonietta Lonati Brescia

L'alopecia areata è una malattia molto frequente, della quale ancora non si conosce la causa, che colpisce circa 1 persona su 100 nel corso della vita.

Esiste una predisposizione genetica, cioè ereditaria ad ammalarsi di alopecia areata.

Nell'alopecia areata i capelli cadono, perché i follicoli piliferi sono bersaglio di una risposta immunitaria sbagliata; si parla di malattia autoimmune. In pratica l'attività del follicolo pilifero viene bloccata dai linfociti che impediscono la produzione del pelo. Il follicolo però non viene mai distrutto, rimane come ibernato e in qualsiasi momento può riprendere a funzionare in maniera normale anche senza alcun trattamento.

L'alopecia areata spesso compare per la prima volta nell'infanzia ed esordisce tipicamente in maniera acuta, con la comparsa di chiazze rotondeggianti prive di peli. La cute a livello delle chiazze è assolutamente normale, senza arrossamento o desquamazione.
Le chiazze compaiono più spesso sul cuoio capelluto o sulla barba ma anche se raramente può interessare qualsiasi parte del corpo. Nei casi gravi la malattia si diffonde a colpire tutti i capelli (alopecia totale) o tutti i peli del corpo (alopecia universale). L'alopecia areata può a volte associarsi a malattie della tiroide. Circa un quarto dei pazienti ha alterazioni delle unghie.

Per una corretta diagnosi è sempre consigliato consultare un dermatologo che, a seconda dei casi, potrà prescrivere accertamenti e consigliare una terapia mirata.

Terapia:

L'alopecia areata va spesso incontro a regressione spontanea per cui è talvolta difficile stabilire se i capelli sono ricresciuti a causa del trattamento effettuato o se la ricrescita è stata spontanea, soprattutto nelle forme lievi della malattia.

I trattamenti disponibili stimolano la ricrescita dei capelli, ma hanno una scarsa influenza sull'evoluzione finale della malattia. La scelta del trattamento varia a seconda dell'età del paziente e dall'estensione della malattia.

Nell' alopecia areata in fase acuta, cioè caratterizzata da rapida formazione di nuove chiazze il trattamento più indicato è probabilmente quello con cortisonici sistemici e/o cortisonici locali anche con occlusione (cioè utilizzando una pellicola di plastica per ottimizzare la penetrazione della crema).

Nell' alopecia areata totale o universale o nelle forme croniche oltre ai cortisonici locali possono essere utilizzate la Puva terapia (questo tipo di trattamento richiede un centro ospedaliero), i cortisonici sistemici come per le forme acute, o l'immunoterapia topica con sostanze sensibilizzanti.

Non tutti i pazienti rispondono al trattamento e nell'alopecia grave le ricadute sono frequenti.

E' molto importante affidarsi a personale medico qualificato con provata esperienza che sia in grado di adeguare la terapia al tipo di pelle, all'età del soggetto, alla risposta ad eventuali trattamenti pregressi, alla disponibilità ad accettare eventuali effetti collaterali, alle aspettative di risultato.