Carbossiterapia nella tricologia

La carbossiterapia, ovvero la somministrazione di CO2 per via sottocutanea, porta ad una maggiore ossigenazione e rivascolarizzazione dei tessuti, un maggior flusso sanguigno aumento metabolismo locale, con effetti rigenerativi sulle cellule cutanee e una stimolazione dei bulbi dei capelli atrofizzati nella caduta dei capelli e nella calvizie.

La somministrazione avviene attraverso piccole iniezioni sottocutanee del gas per mezzo di uno specifico ago calibrato alla giusta profondità. Un trattamento completo costituito da un ciclo di carbossiterapia, abbinato ad un ciclo di PRP (plasma ricco di piastrine), ad oggi è considerato il più potente mezzo non chirurgico contro la caduta dei capelli e la calvizie.